Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Tributo al Maestro Giacomo Puccini

NationalThatre27.2.2024Puccini

L’Ambasciata d’Italia a Manama, in collaborazione con la Bahrain Authority for Culture and Antiquities (BACA), ha organizzato il concerto “Tribute to Maestro Giacomo Puccini” in occasione del centenario dalla morte del grande compositore italiano.

Il concerto si è svolto martedì 27 febbraio presso il Teatro Nazionale del Bahrein nell’ambito dello “Spring of Culture Festival”, una delle più ricche e partecipate rassegne culturali annuali del Bahrein. La serata di musica ha registrato il tutto esaurito ed ha visto la partecipazione del Presidente del BACA, lo sceicco Khalifa bin Ahmed bin Abdulla Al Khalifa e di numerosi rappresentanti delle istituzioni governative bahreinite, oltre a una gremita presenza della società civile e di appassionati di repertorio musicale italiano, tra cui gli studenti del Centro di Lingua e Cultura italiana “Grazia Deledda” e giovanissimi musicisti locali.

Protagonisti indiscussi del concerto gli artisti Italiani: la soprano Desirée Rancatore, il tenore Davide Tuscano, il pianista Maestro Jacopo Salvatori e l’ensemble di violini della Massimo Youth Orchestra di Palermo, i quali hanno reso omaggio ad uno dei più amati compositori italiani attraverso arie e duetti tratti dalle sue opere più celebri quali La Bohème, Turandot, Tosca, Madama Butterfly e Gianni Schicchi.

Tra le arie senza tempo che hanno fatto la storia della musica, il programma includeva “Nessun Dorma”, “Vissi d’arte”, “Si’, mi chiamano Mimi’”, “E lucevan le stelle”, così come il famoso Intermezzo del III Atto di Manon Lescaut ha aperto il concerto. Un programma intenso che ha richiamato emozioni profonde di tutto il pubblico presente in sala, il quale ha salutato il termine del concerto con una standing ovation.

La soprano Desirée Rancatore ha debuttato al Salzburg Festival nel ruolo di Barbarina nel Matrimonio di Figaro di Mozart nel 1996 all’età di 19 anni. Durante la sua brillante carriera, ha interpretato i ruoli principali e da solista in alcune dei teatri d’opera più famosi d’Italia e all’estero tra cui Zurigo, Londra, Madrid, Vienna, San Francisco e Tokyo. È stata premiata con prestigiosi riconoscimenti internazionali. Ha realizzato una ricchissima discografia e si esibisce nel mondo con i piu’ famosi direttori. Il tenore Davide Tuscano, vincitore del “Giovane Talento Maschile” all’International Competition “Premio Etta Limiti Opera 2013”, ha debuttato nel 2014 nel ruolo di Ruiz ne “Il Trovatore” di Giuseppe Verdi. Ha avviato una collaborazione con la “Luciano Pavarotti Foundation” e si esibisce in Italia, Francia, Spagna, Belgio e Giappone.

Gli impegni più recenti del pianista e compositore Jacopo Salvatori includono due opere, presentate al Grachtenfestival di Amsterdam, al Teatro di Vienna e allo State Theater di Braunschweig, un balletto presentato al National State Theatre a Monaco e molte altre opere teatrali. Negli ultimi quattro anni, il Maestro Salvatori è stato insignito di numerosi premi e borse di studio, incluso il primo premio dell’International Composition Competition della Leipzig Opera House.

La Massimo Youth Orchestra è la più recente formazione della Fondazione Teatro Massimo di Palermo, nata nel 2020 con giovani musicisti tra i 16 e i 23 anni. Il concerto “Tribute to Maestro Giacomo Puccini” è stato eseguito con una rappresentanza dei violini in formazione inedita.

Al termine del concerto, l’Ambasciatrice Paola Amadei ha dichiarato: “Il canto lirico italiano è stato inserito nel 2023 nella lista UNESCO del patrimonio immateriale dell’umanità ed è motivo di grande orgoglio. Sono lieta di aver presentato un concerto di tale livello per promuovere la conoscenza del canto lirico italiano rendendo omaggio, al contempo, ad uno dei più importanti compositori italiani di sempre, il Maestro Giacomo Puccini, in occasione del centenario dalla sua morte. Il successo riscontrato nel pubblico locale e la standing ovation al termine del concerto hanno testimoniato non solo il grande talento degli artisti italiani ma anche l’apprezzamento dei bahreiniti per il ricchissimo patrimonio culturale del nostro Paese.”